Vuoi ricevere i nostri aggiornamenti?

Registrati per accedere ai contenuti riservati e iscriverti alla nostra newsletter

Le conseguenze della Brexit sul dominio .eu

08/12/2020

Il Regolamento (CE) 733/2002 prevede che possano registrare nomi a dominio “.eu” solo cittadini dell’Unione Europea o persone fisiche o giuridiche residente o stabilite sul territorio dell’Unione.

Dopo la fine del periodo di transizione della Brexit quindi le imprese stabilite nel Regno Unito

  • non potranno più registrare un dominio .eu
  • non potranno più rinnovare i nomi a dominio .eu registrati precedentemente.

Il registro del dominio inoltre è autorizzato a revocare la registrazione di tutti quei soggetti che non sono cittadini dell’Unione e non sono residenti o stabiliti nel territorio dell’Unione di propria iniziativa e non è prevista alcuna procedura di risoluzione alternativa delle controversie.

Registrazioni speculative ed abusive

Un nome a dominio registrato è revocabile se identico o analogo o comunque tale da poter essere confuso con un marchio tutelato da uno Stato membro o a livello comunitario.

Dopo la fine del periodo di transizione i marchi riconosciuti e tutelati solo come marchi UK non potranno essere invocati per ottenere la revoca di un nome a dominio considerata dall’interessato speculativa.

ATTENZIONE

I contratti tra i conservatori del registro e coloro che richiedono la registrazione di un dominio .eu non possono prevedere un diritto applicabile diverso rispetto a quello di un paese membro dell’Unione né designare organi di risoluzione delle controversie o organi giurisdizionali fuori dal territorio dell’Unione.

Rubrica Brexit

Leggi gli altri articoli della rubrica o contattaci per maggiori informazioni.