Sanità Digitale e Intelligenza Artificiale

La Sanità digitale, con il suo potenziale di gestione della salute a distanza, mai come ora è un asset fondamentale per il sistema sanitario.

Questa rubrica nasce dalla necessità di definire i concetti chiave della e-health e di individuarne gli aspetti legali che devono essere tenuti in considerazione da chi realizza o implementa soluzioni di sanità elettronica e intelligenza artificiale, dagli strumenti di monitoraggio a distanza dei parametri clinici alle farmacie online, dalle App medicali ai device indossabili.
Gli approfondimenti indagheranno le potenzialità delle tecnologie di sanità digitale in parallelo con la gestione delle responsabilità e degli adempimenti connessi al loro utilizzo, sia sotto il profilo sanitario che di protezione dei dati personali e di sicurezza informatica.

Per facilitare la comprensione del tema dell'Intelligenza Artificiale e della sua applicazione negli Stati dell'Unione, abbiamo inoltre creato una raccolta dei documenti aventi valore giuridico emanati da soggetti europei e nazionali sull'AI. 
VAI ALLE FONTI AI

Medicina digitale, PNRR e cure domiciliari: la nuova Intesa Stato Regioni

La telemedicina rappresenta – come noto – un approccio innovativo alla pratica sanitaria consentendo l’erogazione di servizi a distanza attraverso l’uso di dispositivi digitali, internet, software e reti di comunicazioni. Tale modalità viene oggi sempre più utilizzata anche  per erogare le cure domiciliari. Ed è proprio in questo settore che recentemente sono stati delineati i nuovi requisiti autorizzativi che, inevitabilmente, incidono sulle modalità di erogazione delle prestazioni stesse.

Panoramica sulla Telemedicina: la Regione Toscana

Continuiamo la nostra analisi delle delibere regionali sulla telemedicina: oggi analizziamo come ha deciso di muoversi la Regione Toscana. La regolamentazione in oggetto è rivolta alle Aziende Sanitarie e individua i criteri generali per organizzare da parte delle singole ASL i servizi sanitari a distanza così da creare una omogeneità all’interno del territorio regionale toscano.

Panoramica sulla Telemedicina: la Regione Piemonte

Nel corso del 2020 la Regione Piemonte ha emanato la DGR n. 6-1613/2020 del 03/07/2020 in materia di servizi di Telemedicina. Sebbene il provvedimento sia stato sollecitato dalla situazione emergenziale, la disciplina è stata scritta e realizzata con l’intento di fornire un impianto regolatorio stabile. La Delibera si rivolge alle Aziende sanitarie pubbliche e ai privati accreditati e contrattualizzati. 

Panoramica sulla telemedicina: la regolamentazione della televisita in Regione Lombardia

Lo scenario normativo in materia di telemedicina è stato innovato, nell’anno 2020, anche dalla Regione Lombardia. Infatti, nel mese di agosto 2020 è entrata in vigore la DGR n. XI-3528/2020, del 05/08/2020, recante “Indicazioni per l’attivazione di servizi sanitari erogabili a distanza (televisita)”. Con questo atto, la Regione ha inteso fornire una disciplina uniforme e delle indicazioni operative specifiche per l’erogazione di un particolare strumento della telemedicina: la televisita.

La proposta di Regolamento sulla responsabilità civile dell’intelligenza artificiale: commenti a caldo

L'Unione Europea è la prima ad aver ideato un quadro giuridico relativo alla responsabilità giuridica collegata allo sviluppo e all’utilizzo di sistemi di intelligenza artificiale, presentando il 21 aprile 2021 l'Artificial Intelligence Act (proposta di regolamento diretta a realizzare norme armonizzate sull’intelligenza artificiale) e un piano coordinato sull'IA revisionato.

Le nuove Indicazioni sulla Telemedicina: una nuova stagione per le autorizzazioni sanitarie?

Le nuove Indicazioni sulla telemedicina introducono una serie di obblighi e adempimenti finalizzati a tutelare il paziente e a disegnare un nuovo sistema di regole volto a disciplinare l’erogazione delle prestazioni sanitarie a distanza che potrebbe aprire una nuova stagione nelle autorizzazioni sanitarie.

La DPIA nei sistemi di intelligenza artificiale: quali diritti?

La DPIA è lo strumento dedicato ad analizzare il livello di rischio sui diritti e le libertà degli individui derivanti da un trattamento di dati, in particolare quelli effettuati tramite nuove tecnologie. Il trattamento dei dati attraverso un software di AI può configurare un rischio elevato di trattamento per cui la DPIA diventa indispensabile.

Panoramica sulla Telemedicina: la Regione Lazio

Il 2020 è stato senza dubbio l’anno della telemedicina. La necessità di continuare a curare i pazienti non facendoli spostare da casa ha dato il via a processi che da tempo erano in stand by. A livello regionale poi le singole Regioni hanno cominciato ad introdurre regole specifiche ed a tariffare tali tipologie di prestazioni. Appare quindi molto rilevante andare ad analizzare cosa sta avvenendo a livello regionale. Cominciamo con la regione Lazio.

Le nuove Linee Guida sulla Telemedicina: dalla identificazione delle prestazioni sanitarie a distanza alla loro entrata nel Servizio Sanitario Nazionale

Il documento recante le “Indicazioni nazionali per l’erogazione delle prestazioni in telemedicina” introduce una serie di importanti novità per i soggetti che, nell’ambito dell’assistenza sanitaria del Servizio Sanitario Nazionale, intendono implementare all’interno della propria organizzazione un sistema in grado di erogare prestazioni a distanza.

La datificazione della sanità: problemi e possibili soluzioni

Secondo un recente articolo pubblicato sul Boston Review, i casi di malasanità nell’attività sanitaria ricollegabili ad una raccolta di dati errata (sia questa svolta da un agente umano che da un agente artificiale) non sono eccezioni, ma sono invece la dimostrazione del fatto che spesso i rischi legati al c.d. fenomeno della “datificazione” (datafying) della sanità vengono ignorati o sottovalutati.