Laura Asti

L’avv. Laura Asti, of counsel dello Studio Legale Stefanelli&Stefanelli, è referente del Dipartimento Penale, presso cui fornisce assistenza, consulenza e difesa processuale in tutti i settori del diritto penale d’impresa.

Inoltre, da Ottobre 2021, è alla guida del dipartimento "Risk e compliance 231 in Sanità". Penale e Sanità, un connubio in termini di compliance 231 che si traduce in un team affiatato ed altamente specializzato che può lavorare, a seconda delle esigenze, su più fronti: Consulenza e Formazione, Ruolo di Vigilanza come O.d.V e Assistenza e difesa dell’ente nel processo penale.

L'avvocato Asti si occupa, in particolare, di responsabilità dell’esercente nella professione sanitaria, reati fallimentari, tributari e contro la P.A. (dichiarazioni e gare di appalto), sicurezza sul lavoro, responsabilità amministrativa delle imprese (D.Lgs. 231/2001), diritto delle nuove tecnologie e reati informatici.

L’avv. Asti è socio della Camera Penale “Franco Bricola” di Bologna ed è attualmente corresponsabile dell’ Osservatorio rapporti con la Magistratura e Uffici Giudiziari.

 Ha preso parte, altresì, quale referente territoriale dell’Emilia-Romagna al gruppo di ricerca in tema di “misure cautelari” dell’Osservatorio Dati Giudiziari dell’Unione delle Camere Penali Italiane (UCPI).

Ha frequentato la “Scuola biennale Nazionale di Alta Formazione per l’avvocato penalista” dell’UCPI ed è stata docente del Corso “Diritto Penale Italiano e Storia della Mafia” presso l’Università “Friedrich Schiller” di Jena in Germania.

Redige articoli e approfondimenti giuridici sui temi del diritto d’impresa e del diritto penale. È anche autrice di volumi, quali “Assetti organizzativi nell’impresa e prevenzione del reato colposo”, di A. Valenti e L. Asti, edito da Aspasia.

Ultime pubblicazioni

17/01/2023

“Whistleblowing”: quali le novità per gli enti privati?

Il recepimento della Direttiva 1937/2019 sul whistleblowing avrà un impatto notevole per gli enti che saranno chiamati ad attuare le disposizioni previste in tema di segnalazione di illeciti. Certamente, gli enti privati già dotati Modelli 231 dovranno aggiornare isistemi di segnalazione già implementati,valutandone l’adeguatezza e prevedendo quanto previsto in tema di segnalazioni interne, esterne e pubbliche. Ma quali le novità per gli enti che ad oggi non hanno adottato un MOG?

20/12/2022

Tutto ciò che i destinatari del Modello 231 devono sapere

Il consolidamento di una cultura aziendale fondata sui valori di trasparenza, eticità̀, correttezza e rispetto delle regole da parte di tutti i dipendenti, i collaboratori e i fornitori della società è fondamentale per l’effettiva attuazione del Modello 231 e la sua efficacia come esimente da responsabilità per l’Ente che lo adotta.